TOP

Clamoroso al Cibali

“Clamoroso al Cibali!” frasi che raccontano storie.

Emozioni, passioni, sofferenze gioie e dolori.

Le voci narranti ci riportano alla memoria momenti lontani, passioni, gioie, grandi giornate di sport.

Clamoroso al Cibali!” frase  con cui Sandro Ciotti descrisse  un gol del Catania contro l’Inter, è passata alla storia.

Ma ti ricordi gli  inviati di 90° minuto, pietra miliare dei programmi sportivi nato nel 1970 per raccontare la giornata calcistica?

Voci e volti diventati leggenda.

I conduttori Paolo Valenti e Maurizio Barendson.

Marcello Giannini da Firenze, Giorgio Bubba da Genova, Piero Pasini da Bologna, Ennio Vitanza, Beppe Viola, Gianni Vasino, da Milano, Luigi Necco da Napoli, Cesare Castellotti da Torino, Tonino Raffa da Reggio Calabria.

Ma anche quiToninoCarinodaAscoli rigorosamente tutto attaccato.

E poi Bruno Pizzul , Enrico Ameri e Nando Martellini con il suo “Telespettatori italiani, buonasera. È con grande emozione che prendiamo la linea dai bordi del campo dello stadio Bernabeu di Madrid per la finale del campionato del Mondo 1982. L’Italia, dopo un inizio incerto, ha conquistato lo slancio per disputare questa finale. Nostri avversari sono i tedeschi dell’Ovest

E poi “Campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo!”.

E poi ci sono quelli  che ci hanno indottrinato su  nuovi sport, coinvolti con il loro entusiasmo e trasmesso l’essenza di gesti sportivi ignoti.

“Se  Edberg non vince Wimbledon entro i prossimi 5 anni smetto di scrivere di tennis (poi vinse al 5° anno nel 1988)” “bellissima Veronica”  “e allora questo game lo mettiamo in cineteca”. Di chi erano queste frasi?

“6-2 periodico” “Agassi è l’unico in grado di giocare nella terra di nessuno”

Voce narrante del tennis ma anche del pugilato.

“Il tennista più simile negli atteggiamenti gladiatori e nella determinazione agonistica , a un pugile. Pur essendo stato sconfitto in modo scoraggiante da Borg,  è andato in campo ogni volta convinto di vincere (su Jimmy Connors)” “amici del grande tennis o amici della grande boxe”

I suoi marchi di fabbrica: “colpo da circoletto rosso” e “nel mio personalissimo cartellino”

Rino Tommasi  giornalista competentissimo con eloquio accattivante e coinvolgente ha raccontato la storia della boxe (è stato anche il primo organizzatore di match di pugilato in Italia ) e soprattutto del tennis;  in coppia con Gianni Clerici ci ha regalato perle di saggezza: “chiamato a rete a giocar di fino, rivela le sue umili origini”. 

Ti ricorderai sicuramente  una delle telecronache più intense e appassionanti della storia: “Andiamo a vincere” frase detta nell’ottobre 1988 in diretta da Seoul con i fratelli Abbagnale che vincono l’oro olimpico.

“E questo è  il k2 italiano, si  guarda a sinistra si guarda a destra  e vince l’Italia” ti dice qualcosa??

Il grande Giampiero Galeazzi    con le sue dirette passionali e professionali al contempo ci ha fatto conoscere termini come: in acqua 2 (per intendere la corsia 2), capovoga, numero di colpi in acqua al minuto.

Voce  del canottaggio e del tennis è stato sicuramente uno dei telecronisti più pittoreschi.

Altre frasi inconfondibili

“Amici sportivi, e non sportivi…” voce che arriva dagli anni ‘80
“Eccoci ancora insieme, amici!” “Grande giocata da parte di lui”
Non conoscevi bene il basket e lui ti ha condotto al cuore del gioco.
Spunti tattici “In contropiede, tu, playmaker, ti devi fermare sulla riga di tiro libero e fare palleggio arresto e tiro” ma soprattutto emozioni  “Lui non deve fare questo” “Uuuuuuhh! Cos’ha sbagliato, mamma mia!”
E si! E’ l’inconfondibile accento americano di Dan Peterson allenatore di pallacanestro, giornalista e telecronista sportivo statunitense. Commentava le partite del basket NBA su Canale 5, in seguito  condusse le telecronache della Lega Italiana Basket per TMC, Tele+, Rai e infine Sportitalia.
Forse non sapevi  che fu anche la voce del wrestling in Italia, commentando su Italia 1 gli show della WWF/WWE.

E ce n’è ancora un altro che negli anni 80  ha fatto appassionare tanti ragazzi allo sport americano.

Uno che è stato a volte sottovalutato, per una previsione sbagliata.

La voce della NBA ma anche e soprattutto del Football Americano  NFL,  che nel 1997 affermò: “Forse Tim Duncan non è il fenomeno che tutti dicono” per questo negli anni seguenti fu spesso attaccato  con critiche di incompetenza.

Ma in realtà il grande Guido Bagatta con le sue telecronache semplici, professionali, alla portata, senza astruse  terminologie tecniche ha fatto conoscere cosa era il Super Bowl e portato nelle nostre case lo sport USA.

Fu  lui infatti il primo commentatore italiano a fare le telecronache delle partite di NFL nel 1980, per l’allora neonata Canale 5.

Ciclismo 1998 “potrebbe essere questo il momento decisivo?” “eccolo la’ sulla sinistra si è tolto la bandana” frase a commento dell’azione di Pantani.

E ancora “ATTENZIONE, questa è una affermazione storica detta dal CT della nazionale italiana” sulla frase di Alfredo Martini ct della Nazionale “non ho visto nessuno andare cosi forte in salita” riferita a  Pantani nel 1995 che scatta sull’Alpe d’Huez.

“Gentili signore e signori, buongiorno…” saluto tipico del compianto Adriano De Zan appassionato di ciclismo di cui è stato narratore per oltre 45 anni.

 

Moto Gp quando un italiano è alle ultime curve in gara, quante volte abbiamo sentito “Falla girare!”.
O ancora “Semafori spenti, scatenate l’inferno!” “tutti in piedi sul divano” “rischiano la sportellata” “questa motogp è stata da cappottamento sulla sedia”.
Ma la frase più celebre, citata anche in Topolino n.2806 dell’8 settembre del 2009 è sicuramente “Rossi c’è” riferita ovviamente al grande Valentino.
Guido Meda inconfondibile voce del motociclismo telecronista appassionato, competente a volte tifoso.

Pagine indimenticabili di storia dello sci, la leggenda di Alberto Tomba raccontata da un grandissimo telecronista.

“Dio Mio come è entrato dritto! Grande, Grande… è entrato dritto in quella tripla! Un fuoriclasse! Un fuoriclasse!”

“Molla tutto adesso! Giù!” “Adesso deve lasciar andare!”

Le gare di Coppa del Mondo erano trasmesse anche dalla Rai, ma  tanti appassionati le seguivano su Telemontecarlo per la presenza del mitico Bruno Gattai.

Telecronache coinvolgenti, tecniche  e passionali al contempo, uno spettacolo nello spettacolo!

Quale altro telecronista ha rapito le tue emozioni portandoti oltre la sfida?

 

scrivi un Commento