TOP

Secure Volley: un nuovo volley in sicurezza per i giovani!

Una proposta di gioco alternativo alla pallavolo per innalzare il livello di sicurezza    by Riccardo Provvedi:

Attuale Direttore tecnico School Volley Perugia (società con circa 450 giovani atlete/i) – Allenatore di pallavolo vincitore di numerosi campionati maschili tra cui la serie A2 la Coppa Italia di A2, serie B1 e  B2. Per oltre 10 anni Selezionatore regionale per l’Umbria –  Responsabile settore giovanile di diverse società di serie A1 – Formatore Area Tecnica Scuola Regionale dello Sport Umbria Coni   – Insegnante di Scienze Motorie e Sportive.

 

Noi tutti speriamo che il Covid 19 allenti definitivamente la presa e ci consenta di riappropriarci delle nostre vite e tornare anche a praticare lo sport che amiamo.

Occorre però anche realisticamente prospettare scenari che prevedano, una convivenza con il virus ancora per qualche tempo o esigenze di distanziamento sociale che possano ripresentarsi nei mesi a venire.

In questo senso praticare la pallavolo, valutata attualmente come sport con elevato fattore di rischio, potrebbe diventare impossibile nei periodi di contenimento del virus.

Il Secure Volley nasce per offrire una risposta ai tanti giovani  appassionati di questo sport che vogliono privilegiare la salute, praticando sport in situazione quanto più sicura possibile.

Nasce per coloro che, nei periodi di contenimento epidemiologico, vogliono continuare a praticare un’attività simile al loro sport preferito, senza essere per questo costretti a rimanere a casa o a passare alla pratica di altri sport.

Il Secure Volley ha come priorità la strutturazione di un gioco quanto più simile possibile alla pallavolo; ricercando però l’abbassamento della densità dei giocatori in campo, la riduzione dei contatti tra atleti e il distanziamento di sicurezza con gli avversari.

CARATTERISTICHE  E FONDAMENTI DEL GIOCO

Presupposti 

Immaginiamo uno scenario verosimile che non permetta i contatti diretti tra persone e obblighi a un distanziamento sociale di almeno 1 mt, non consentendo di fatto la pratica della pallavolo.

Obiettivi

Abbassare la scala di valutazione del rischio in modo da poter consentire ai giovani che amano la pallavolo, di praticare un’attività sportiva alternativa, in condizione di  sicurezza.

Evitare la sospensione della pratica del volley per un periodo prolungato.

Mantenere il coinvolgimento di un elevato numero di atleti.

Priorità ricercate

Abbassamento della densità dei giocatori in campo, riduzione dei contatti tra atleti, distanziamento di sicurezza con gli avversari.

Target

Il gioco è pensato come proposta per la pallavolo giovanile, sia femminile che maschile.

Flessibilità

Il gioco nasce in un periodo di isolamento sociale, per cui le caratteristiche, le potenzialità e le criticità andranno testate sul campo e prodotti gli adattamenti definitivi (eventuali lievi modifiche regolamentari, piccole variazioni delle misure,  adeguamenti altezza rete alla categoria) mantenendo immutata la struttura base del gioco.

DIVISIONE DEL CAMPO

Area rossa dei 2 mt

Settori di gioco 4 mt x 3 mt

Strisce bianche 9 mt x 1 e 7 mt x 1

Linee perimetrali esterne al campo 20 mt x 11 mt

REGOLE BASE

  • Il gioco per quanto non specificato è analogo alla pallavolo.
  • Si gioca in 7 giocatori contro 7: 4 interni al campo e 3 perimetrali all’esterno del campo (nelle palestre con spazi esigui può essere giocato 4 vs 4 escludendo i giocatori perimetrali).
  • Nell’area rossa dei 2 mt la palla è fuori, si può accedere in questa area solo come ricaduta da un salto o per recuperare una palla, sostando al max per 2 secondi.
  • Nei settori di gioco 4 x 3 può sostare un solo giocatore e nessun giocatore può accedere nel settore dell’altro.
  • Nelle strisce bianche non si può accedere.
  • La palla inviata nelle strisce bianche può essere recuperata al volo rimanendo con i piedi fuori dalle strisce, oppure può essere recuperata fuori o dentro tali strisce dopo un rimbalzo, sempre rimanendo con i piedi all’esterno.
  • I giocatori 1 – 3 – 6 si occupano di giocare i palloni fuori campo, sia quelli inviati dai compagni, sia quelli provenienti da un rimbalzo nelle strisce bianche.
  • I giocatori 1 – 3 – 6 esterni alle linee perimetrali, non possono in nessun caso entrare con i piedi all’interno delle linee perimetrali esterne.
  • I giocatori in campo (2-4-5-7) non possono in nessun caso uscire dalle linee perimetrali esterne al campo, possono invece uscire dal campo ma sostare solo per due secondi, nell’area tra il perimetro e le linee esterne.

Una proposta di volley in sicurezza per andare Oltrelasfida!

 

 

 

photo credits: Tania Van den Berghen da Pixabay

Comments (4)

  • Francesco Giglio

    Fateci vedere un video dimostrativo.

    reply
  • Laura Agostinoni

    Per riprendere e’ un’attività decisamente interessante ma attuabile.in spazi grandi di doppio campo in palestra

    reply
  • FABRIZIO MENTIL

    OTTIMA IDEA

    STO LAVORANDO SU UN PROTOCOLLO CHE LE SOCIETA’ SPORTIVE DI VOLLEY (MA NON SOLO) POSSONO APPLICARE PER ESSERE OK CON LE REGOLE ANTICONTAGIO.
    SI BASA SUL PROTOCOLLO RICHIESTO ALLE AZIENDE

    SE VI INTERESSA VE LO GIRO VIA MAIL

    reply

scrivi un Commento