TOP

Segni particolari: sportivo professionista!

Vuoi fare lo sportivo di professione ma non hai idea se a fine carriera potrai comprarti qualche villa o solamente un bungalow?

Nessun problema ti aiutiamo noi.
“Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua” affermava Confucio.
Che vita gli sportivi! Oltre a non lavorare guadagnano anche tantissimo! Confessa, lo hai pensato anche tu.
Ma è così proprio per tutti gli atleti?
Certo, i primi 20 della classifica stilata da Forbes relativi ai guadagni totali, non si possono proprio lamentare….
Intanto iniziamo a scegliere quale sport praticare…
Da quale sport provengono i primi 20 in classifica?
2 dalla box: Floyd Mayweather 245 milioni di euro a stagione (di cui circa 236 ottenuti nell’incontro contro Conor Mc Gregor) e Canelo Alvarez.
3 sono calciatori: Messi 95 milioni, Ronaldo 92,5, Neymar 77.
1 pratica le arti marziali miste: Conor Mc Gregor con 85 milioni di euro.
5 vengono dal football americano con al top Matt Ryan 57,5.
5 dal basket: Le Bron James 73Stephen Curry 65 a guidare la classifica
2 sono tennisti Roger Federer 66 e Rafael Nadal
2 sono piloti automobilistici: Lewis Hamilton e Sebastian Vettel
1 proviene dal golf, Tiger Woods

Le donne avranno iniziato a preoccuparsi….solo uomini?
In effetti Forbes dice «C’è sempre stata almeno un’atleta e spesso ne abbiamo contate anche tre». La campionessa di tennis Serena Williams è stata l’unica donna ad apparire nella classifica del 2017, ma quest’anno è finita fuori dalla lista perché ha interrotto la sua attività sportiva per diventare madre.
Il quadro dei top player è più che allettante ma andando ad aprire un po’ la forbice …chi non è al vertice guadagna comunque tanto?

Diamo un occhio agli ingaggi escludendo le sponsorizzazioni:

Formula 1 guadagnano molto Vettel tedesco della Ferrari 49 milioni, Hamilton 40, Raikkonen 32,7; ma dietro ai big il gap è notevole: Sergey Sirotkin il russo della Williams e Charles Leclerc monegasco dell’Alfa Romeo Sauber percepiscono entrambi 123mila euro all’anno.

 

Nella NBA di basket i top sono Stephen Curry con 30 milioni di euro, LeBron James 28,6 milioni e Gordon Hayward 25,6 milioni di euro. Il nostro Gallinari percepisce circa 21 milioni. Buoni giocatori di serie A italiana hanno ingaggi intorno a 1 milione di euro, ma giocatori di più basso livello scendono a 60,000€ /anno.

Guardando ai piloti di moto Jorge Lorenzo alla Ducati guadagna 12,5 milioni a stagione, Marc Marquez alla Honda 9 milioni, Valentino Rossi alla Yamaha 7,5 milioni (di certo non soffrirà la fame visto che si calcola che circa altri 20 gliene entrino per sponsorizzazioni varie). Andrea Dovizioso scuderia Ducati 3 milioni Maverick Vinales Yamaha 1,5 milioni. Nel mondo delle moto i costi sono molto elevati e scendendo di categoria gli stipendi si abbassano notevolmente. In moto 2 gli stipendi oscillano tra i 30 e i 100.000€. In moto 3 gli ingaggi sono sotto i 50.000 euro, spesso i piloti corrono gratis, arrivando anche a situazioni in cui alcuni pagano per correre.

Nel calcio italiano, secondo un’indagine dell’Inps del 2016, dei 3541 calciatori professionisti censiti, il 41,4% non supera i 50 mila euro l’anno di ricavi. Il 16% dei giocatori italiani professionisti incassa meno di 10 mila euro a stagione, mentre soltanto poco più di mille calciatori italiani riescono a superare i 100 mila euro l’anno di stipendio. Nella serie B la lega ha stabilito un minimo salariale di circa 28.000 euro che si abbassa gradualmente a 16.000 per calciatori via via più giovani.
Nel calcio femminile i guadagni più alti li hanno raggiunti Marta Vieira da Silva 400.000 euro e Alex Morgan, con oltre 360.000 euro. Completa il podio una sua connazionale, Megan Rapinoe, che guadagna 168.000 dollari all’anno (136.000 euro)

Nella pallavolo della Superlega italiana, che può essere considerato il campionato più forte del mondo, i top player possono arrivare a guadagnare intorno ai 500/600.000 euro , un buon giocatore di A2 può oscillare mediamente tra 35.000 e 60.000 euro. In serie B dai 10.000 ai 35.000.

Nel tennis sentiamo la voce di uno dei protagonisti:
Sam Groth (best ranking da numero 53 al mondo nel luglio 2015) ha dichiarato “nel tennis o vinci o non guadagni niente. Se sei n° 188 o 53, le spese non cambiano, ma i guadagni sì! Sei nel circuito per 40 settimane l’anno, devi pagare i voli aereo, l’allenatore, l’alloggio in hotel o l’affitto in una casa”

“Alla fine del 2016 ho visto tutti i movimenti sul mio conto bancario e ho speso più di 200.000 dollari (circa 172.000 euro)”
Nel 2016 Groth ha guadagnato circa 214.000 euro lordi di montepremi, più qualcos’altro dagli sponsor.

Nel ciclismo i più pagati sono Chris Froome e Peter Sagan, che guadagnano intorno ai 5 milioni di euro l’anno. Il nostro Vincenzo Nibali è intorno ai 4 milioni e Fabio Aru intorno ai 3. Gregari di buon livello oscillano tra i 100 e i 300 mila euro, gregari con minore esperienza hanno ingaggi tra i 60 e 90 mila, neo professionisti hanno introiti che possono anche scendere intorno ai 20.000.

Sciatori: “uno sciatore con una carriera di alto livello può arrivare a guadagnare anche 300-400 mila euro l’anno, tra premi e sponsor – fonte Ufficio stampa della FISI (Federazione italiana sport invernali) – ma capita a pochi.
In generale la media per uno sciatore italiano, con buoni risultati in Coppa del Mondo, è tra i 50 e i 100 mila euro, che si dimezzano se si considera la parte femminile.
Ma anche qui parliamo di gente con un pedigree internazionale notevole. Lo stipendio dell’Esercito o delle forze dell’ordine serve a tutti i nazionali della Coppa del Mondo per le trasferte, gli spostamenti e gli allenamenti. Il resto arriva dai risultati”. Considerando stagioni sfortunate o gli infortuni i guadagni si riducono di molto.

Atletica leggera: gli atleti per mantenersi e svolgere un lavoro da professionisti, quando raggiungono buoni livelli vengono assunti dalle Forze armate, tipo Finanza o Polizia. Lo stipendio è lo stesso dei loro colleghi militari e serve per le spese di spostamenti e altro. Le altre fonti di reddito arrivano da sponsorizzazioni e premi della del CONI, della FIDAL, della IAAF. Un oro mondiale può valere dalla IAAF oltre 35.000 euro.
Insomma i campioni sono molto ben pagati in qualsiasi disciplina, gli atleti di alto livello hanno in molti sport ottimi compensi, ma gli atleti di fascia media hanno ingaggi tra il buono e l’appena sufficiente.
Segui le tue passioni e sogna in grande, perché solo chi crede in se stesso può realizzare i propri obiettivi e andare  Oltrelasfida!

scrivi un Commento